Articles

CPC e CPM

In Gestisci il tuo budget on luglio 8, 2011 by matteocasalini

Quando scegliere CPC rispetto a CPM

In breve, dipende dal tuo obiettivo.

Choose CPC (cost per click) advertising when your goal is to have people click through to your website or your Facebook Page, Event, or Application. With CPC advertising, you can control the actual cost to drive each person to your site. Many advertisers hoping to drive online conversions through their ads (e.g. sales of t-shirts or subscribers to a newsletter) will choose the CPC model.

Choose CPM (cost per thousand impressions) advertising when your goal is to increase brand, product or service awareness

Annunci

Articles

Costi pubblicitari

In Gestisci il tuo budget on luglio 7, 2011 by matteocasalini

There isn’t a set cost for advertising on Facebook. However since this is a market-driven delivery system, you are paying the price that the market has set. You can estimate your cost when you create your ads by following the following steps:

  • Identify your target audience
  • Decidi se preferisci pagare per click (CPC) o per mille impressions (CPM)
  • Select the maximum bid for your ad based on the suggested bid range provided. This is the approximate range of what other advertisers are paying for your target demographic.
  • Set your campaign’s daily budget based on the maximum bid and the number of clicks or impressions you would like to pay for per day.

The budget that you set is your daily budget. Your ads will automatically stop showing once your budget has been met for the day, and you will never accrue charges in excess of your daily budget.

Articles

Prezzo e budget

In Gestisci il tuo budget on luglio 6, 2011 by matteocasalini Messo il tag: ,

Advertising on Facebook is simple and cost-effective. You tell us what you want to advertise and to whom you’d like your ads to appear and we’ll let you know how much other advertisers are paying to reach your audience. In this section, you will learn more about:

  • Bidding
  • Daily budget, daily spend limit, and lifetime budget
  • Cost to advertise on Facebook
  • When to choose CPC vs CPM

Bidding

The suggested bid range shows you the range of bids that are currently winning the auction among ads similar to yours. It is recommended to set a bid price within or above the suggested pricing range provided for your ad. Your maximum bid is the most you’ll pay for a click on your ad or per thousand impressions delivered depending upon whether you chose to pay per click (CPC) or per thousand impressions (CPM) (help section). We only charge you the amount that is required for your ad to win the auction (see the delivery section), which may be lower than your maximum bid.

Suggested bid range based on current market pricing.

Daily Budget, Daily Spend Limit, and Lifetime Budget

You have complete control of how much you spend on a daily basis. The budget that you set when setting up a new campaign is your Daily Budget. It represents the maximum amount that you are willing to spend on that campaign for each day you are advertising. Your ads will automatically stop showing once your budget has been met for the day. You can change your daily campaign budget, or pause or delete your ads from within your Gestione inserzioni at any time.

Keep in mind that this is different from your Limite di spesa giornaliero. The Daily Spend Limit is the maximum amount that, given available impressions and winning bids, will be spent on your account in one day. The limit is reset at midnight in your select time zone each day. Your Daily Spend Limit will increase automatically as you successfully make payments. However, you will never pay more than the sum of your maximum Daily Budgets.

Similarly to your Daily Budget, your Lifetime Budget is the amount you are willing to spend over the full lifetime of your advertising campaign on Facebook. The total you spend on your Facebook Ad campaign will not exceed this amount.

Puoi modificare queste impostazioni tramite la Gestione inserzioni dopo aver impostato l’annuncio in diretta. Noterai che la “Durata” è modificabile nelle impostazioni della campagna. Ogni annuncio all’interno di una campagna è espresso sulla base di queste impostazioni.

Modifica la durata nel tuo Ads Manager

Articles

Le linee guida per la pubblicità

In Policies on luglio 5, 2011 by matteocasalini Messo il tag:

Uno dei principi su cui si fonda Facebook è che tutte le parti del sito, comprese le inserzioni, devono essere parte integrante dell’esperienza degli utenti ed armonizzarsi tra loro. Per salvaguardare tale esperienza, quindi, si impegniamo a mantenere il sito pulito, coerente e privo di inserzioni inappropriate. In facebook sono convinti che i modelli pubblicitari esistenti possano essere trasformati in messaggi fatti su misura per i singoli utenti, sulla base di come i loro amici interagiscono e si connettono con i marchi, gli artisti musicali e le aziende che rientrano nei loro interessi.

Linee guida sulle pubblicità

Le seguenti linee guida si applicano a tutte le inserzioni che compaiono su Facebook, comprese quelle visualizzate nelle pagine principali delle applicazioni della Piattaforma Facebook. Inoltre, tutte le pubblicità su Facebook devono rispettare la Normativa sulla privacy e la Dichiarazione dei diritti e delle responsabilità. Le pubblicità che compaiono all’interno di applicazioni della Piattaforma Facebook devono rispettare tutte le Normative della Piattaforma Facebook aggiuntive. Facebook si riserva il diritto di rifiutare o rimuovere le inserzioni ritenute non conformi alla sua filosofia pubblicitaria. Le presenti linee guida sono soggette a modifica in qualsiasi momento e Facebook può considerare non valida qualsiasi di queste linee guida a sua esclusiva discrezione.

  1. Account
    1. Gli inserzionisti non possono creare o gestire più account Facebook a scopi pubblicitari, salvo nel caso in cui Facebook abbia concesso la propria autorizzazione.
    2. Gli inserzionisti non possono automatizzare la creazione di account o inserzioni, salvo nel caso in cui Facebook abbia concesso la propria autorizzazione.
  2. Pagine/URL di destinazione
    1. Le inserzioni contenenti un URL o un dominio nel testo devono rimandare allo stesso URL o dominio.
    2. Tutti gli utenti che cliccano su una stessa inserzione devono essere rimandati sulla stessa pagina di destinazione.
    3. Le pagine di destinazione non possono generare pop-up (compresi “pop-over” e “pop-under”) quando un utente accede o esce dalla pagina.
    4. Le pagine di destinazione non possono ingannare l’utente facendogli credere che la pagina verrà chiusa (ad esempio, quando un utente clicca sull’icona “chiudi” presente su quella pagina, la pagina deve chiudersi e non deve verificarsi nessun’altra azione).
    5. Le pagine di destinazione non possono utilizzare “trappole” mediante le quali l’inserzionista impedisce all’utente di usare il pulsante “Indietro” del browser e lo costringe a rimanere sul suo sito e/o esegue qualsiasi altra azione imprevista (ad esempio il rimando a un’altra pagina).
    6. Le inserzioni non possono richiedere a coloro che le visualizzano di cliccare sull’inserzione né di fornire informazioni personali (come nome, data di nascita, numeri di telefono, codice fiscale, indirizzi postali o e-mail) sulla pagina di destinazione o nell’inserzione stessa, salvo nel caso in cui tale richiesta serva ad abilitare una transazione e-commerce. In tal caso, l’inserzione e la pagina di destinazione devono indicare chiaramente che si sta procedendo alla vendita di un prodotto.
  3. Riferimenti a Facebook
    1. Le seguenti condizioni si applicano a tutte le inserzioni che rimandano a una Pagina, applicazione, evento o gruppo Facebook oppure a un sito Connect, salvo qualora diversamente consentito nella sezione Politica sui marchi e sulla promozione delle Normative della Piattaforma:
      1. I riferimenti a “Facebook” nel titolo, nel testo o nell’immagine delle inserzioni devono essere limitati ed avere come unico scopo quello di chiarire la destinazione dell’inserzione stessa;
      2. Le inserzioni non possono far trapelare l’approvazione del prodotto, del servizio o dell’elemento pubblicizzato da parte di Facebook.
    2. Tutte le altre inserzioni, pubblicità e pagine di destinazione devono rispettare le seguenti limitazioni:
      1. Le inserzioni non possono menzionare o fare riferimento in nessun modo a Facebook, al suo sito o al suo marchio, non nel titolo, né tantomeno nel testo, nelle immagini o negli URL di destinazione;
      2. Le inserzioni non possono contenere logo, marchi o terminologia presente nel sito (tra cui, a titolo esemplificativo, Facebook, The Facebook, FacebookHigh, FBook, FB, Poke, Wall, Bacheca e altre rappresentazioni grafiche, logo, disegni o icone che identificano l’azienda);
      3. È vietato emulare le funzioni del sito Facebook.
  4. Contenuto del testo e dell’immagine delle inserzioni
    1. Le inserzioni devono essere direttamente correlate al contenuto della pagina di destinazione.
    2. Le inserzioni devono presentare in modo chiaro l’azienda, il prodotto o il marchio pubblicizzato. I prodotti o i servizi reclamizzati nell’inserzione devono essere disponibili direttamente nella pagina di destinazione.
    3. Le inserzioni non devono contenere affermazioni non comprovate relative, ad esempio, a prezzi, sconti o disponibilità dei prodotti.
    4. Le inserzioni non possono insultare, molestare o minacciare un utente.
    5. Le inserzioni non devono contenere audio la cui riproduzione si avvii automaticamente, senza l’intervento dell’utente. La riproduzione delle animazioni automatiche deve interrompersi dopo 15 secondi, in seguito ai quali non deve ricominciare.
  5. Contenuti vietati
    1. Le inserzioni non devono essere false, fuorvianti, fraudolente o ingannevoli.
    2. Non sono accettate le inserzioni che si basano su modelli o pratiche imprenditoriali inaccettabili o in contrasto con la filosofia pubblicitaria di Facebook.
    3. Non sono accettare le inserzioni o le categorie di inserzioni che ricevono numerosi commenti negativi o che sono considerate in violazione degli standard della comunità virtuale.
    4. Le inserzioni non possono contenere, facilitare, promuovere o fare riferimento a:
      1. Linguaggio offensivo, profano, volgare, osceno o inappropriato;
      2. Contenuti osceni, diffamatori, calunniosi, offensivi e/o illegali;
      3. Tabacco;
      4. Munizioni, armi da fuoco, pistole a inchiostro o ad aria compressa o armi di qualsiasi altro tipo;
      5. Giochi d’azzardo, tra cui, a titolo esemplificativo, casinò online, scommesse sportive, bingo o pocker, senza l’autorizzazione di Facebook;
      6. Truffe, attività illegali o catene di Sant’Antonio;
      7. Gare e concorsi a premi, a meno che Facebook non abbia fornito la propria autorizzazione; in tal caso, è obbligatorio rispettare le Linee guida sulle promozioni di Facebook;
      8. Opportunità che promettono di arricchirsi velocemente o di guadagnare denaro, che offrono una ricompensa in cambio di un investimento minimo o inesistente, comprese le offerte “lavora da casa”, presentate come alternative a un’attività lavorativa part-time o a tempo pieno, o le promesse di guadagni pecuniari che nascondo imbrogli.
      9. Contenuti per adulti, che includono immagini di nudo, terminologia per adulti e/o immagini di persone coinvolte in posizioni o attività eccessivamente esplicite dal punto di vista sessuale o provocatorie, che violano gli standard della comunità;
      10. Strumenti per la ricerca di “amici” per adulti o siti di appuntamenti a carattere sessuale;
      11. Giocattoli, video o altri prodotti per adulti;
      12. Prodotti farmacologici non certificati;
      13. Telecamere nascoste o attrezzature di sorveglianza;
      14. Università online non accreditate che offrono lauree/diplomi;
      15. Contenuti che incitano al fanatismo religioso;
      16. Programmi politico-religiosi e/o qualsiasi riferimento ad attività criminali, terroristiche o che incitano all’odio;
      17. Contenuti che sfruttano programmi politici o utilizzano problematiche di attualità per uso commerciale, indipendentemente dal fatto che l’inserzionista abbia un programma politico;
      18. Discorsi di incitamento all’odio, che attaccano un individuo o un gruppo, che effettuano discriminazioni sulla base di razza, sesso, credo, nazionalità, affiliazione religiosa, stato coniugale, preferenze sessuali, sesso o lingua dell’individuo o del gruppo in questione.
      19. Contenuti che attaccano organizzazioni, persone o gruppi di persone, ad eccezione di candidati che concorrono per funzioni pubbliche;
      20. Contenuti che presentano una malattia in modo spregiativo o sedizioso o che danno una falsa immagine di una malattia.
  6. Rifiuto delle inserzioni
    1. Facebook si riserva il diritto di rifiutare le inserzioni per qualsiasi motivo, compresi i casi in cui ritenga che esse promuovano prodotti o servizi che competono con Facebook e che influenzino in modo negativo la nostra attività o la nostra relazione con gli utenti del sito.
  7. Dati e privacy
    1. I dati ricevuti da Facebook non possono essere forniti a terzi, incluse le reti di inserzioni.
    2. A meno che Facebook non abbia dato il proprio consenso, nelle inserzioni non possono essere visualizzati i dati degli utenti, ad esempio i nomi utente o le immagini del profilo, sia nel caso in cui tali dati siano stati ottenuti da Facebook che in altro modo.
    3. È vietato utilizzare i dati degli utenti ricevuti da Facebook, così come usare le inserzioni per raccogliere tali dati, che possono comprendere le informazioni ricavate dai criteri per la definizione dei destinatari, per qualsiasi scopo esterno a Facebook, senza il consenso degli utenti.
  8. Destinatari
    1. Le definizione dei destinatari in base a un attributo degli utenti, ad esempio l’età, il sesso, la posizione geografica o gli interessi, deve essere rilevante per quell’offerta e non può infrangere le politiche sulla privacy e sulla protezione dei dati.
    2. I destinatari delle inserzioni con temi per adulti, come ad esempio la contraccezione, l’educazione sessuale e le malattie, devono avere almeno 18 anni. A tale scopo, le inserzioni della piattaforma devono sfruttare le opzioni di limitazione demografica, e non devono cercare di ottenere i dati degli utenti.
    3. Le inserzioni che hanno come oggetto siti o servizi per appuntamenti o contenuti simili devono rispettare i seguenti criteri per la definizione dei destinatari (tale disposizione non è applicabile alle inserzioni sulla Piattaforma Facebook).
      1. è obbligatorio utilizzare il parametro di definizione dei destinatari “Situazione sentimentale”, che deve essere impostato su “Single”;
      2. è obbligatorio utilizzare il parametro di definizione dei destinatari “Sesso”, e può essere selezionato uno solo dei due valori “Uomo” o “Donna”;
      3. è obbligatorio utilizzare il parametro di definizione dei destinatari “Età”, e il valore più basso della fascia di età selezionata deve essere almeno 18 anni;
      4. è obbligatorio utilizzare il parametro di definizione dei destinatari “Interessi in”, e può essere selezionato solo uno dei due valori “Uomini” o “Donne”.
  9. Prezzi, sconti e offerte gratuite
    1. Le inserzioni non possono essere ingannevoli o fraudolente relativamente alle offerte fatte.
    2. Se un’inserzione include un prezzo, uno sconto o un’offerta “a costo zero”,
      1. l’URL di destinazione dell’inserzione deve rimandare a una pagina che offre in modo chiaro ed accurato l’offerta presentata nell’inserzione stessa;
      2. l’inserzione deve indicare chiaramente l’azione o l’insieme di azioni necessarie per poter accedere all’offerta.
  10. Servizi in abbonamento
    1. La pubblicità di Servizi in abbonamento deve rispettare le condizioni indicate di seguito, determinate a discrezione esclusiva di Facebook. I “Servizi in abbonamento” possono includere siti che promuovono suonerie, giochi o altri servizi scaricabili oppure siti che richiedono all’utente di abbonarsi a un prodotto o un servizio per il quale è richiesto un pagamento periodico.
      1. L’inserzione deve indicare chiaramente l’azione o l’insieme di azioni necessarie per poter accedere all’offerta. Se l’utente deve abbonarsi a un servizio, l’inserzione deve indicare sia i requisiti relativi al servizio che quelli relativi all’offerta.
      2. I termini dell’abbonamento devono essere coerenti con quanto indicato nell’inserzione.
      3. Come requisito minimo, il sito Web pubblicizzato deve riportare in modo chiaro e preciso il prezzo e l’intervallo di fatturazione (indicando, ad esempio, se è settimanale o mensile) sulla pagina di destinazione e su qualsiasi altra pagina in cui viene richiesto all’utente di inserire le proprie informazioni personali (come nome, data di nascita, numero di telefono, codice fiscale, indirizzo fisico o indirizzo di posta elettronica) o le informazioni relative alla fatturazione (come, a titolo esemplificativo, numero di cellulare o della carta di credito).
      4. Se gli utenti si abbonano al servizio inviando un codice mediante SMS, il prezzo e l’intervallo di addebito devono essere indicati chiaramente e in modo ben visibile accanto al codice.
      5. Se il servizio è in abbonamento, sul sito Web deve essere presente una casella di assenso ben visibile o un altro meccanismo chiaro che indichi che l’utente accetta in modo consapevole il prezzo e il servizio in abbonamento. Questo meccanismo deve trovarsi sulla prima pagina in cui l’utente immette i propri dati personali e l’utente non deve poter continuare senza aver espresso il suo consenso.
      6. Tutti gli elementi devono trovarsi in una posizione in evidenza sulla pagina Web, come determinato da Facebook a sua sola discrezione, e devono poter essere trovati, letti e compresi facilmente.
  11. Inserzioni di bevande alcoliche
    1. Nei limiti consentiti dalla legge e dalle presenti linee guida, le inserzioni possono essere destinate solo ai seguenti gruppi di età:
      1. Utenti di almeno 25 anni in India e in Svezia;
      2. Utenti di almeno 21 anni in Camerun, Micronesia, Palau, Isole Salomone, Sri Lanka e Stati Uniti d’America;
      3. Utenti di almeno 20 anni in Giappone, Islanda e Paraguay;
      4. Utenti di almeno 19 anni in Canada, Corea e Nicaragua, oppure
      5. Utenti di almeno 18 anni in qualsiasi altro Paese (ad eccezione dei Paesi elencati nella sezione 11.b seguente). Sono da notare le disposizioni specifiche applicabili a Finlandia e Polonia riportate nelle sezioni 11.d.xiii e 11.d.xiv seguenti.
    2. È vietato indirizzare le inserzioni di bevande alcoliche a qualsiasi utente (indipendentemente dall’età) in Afghanistan, Brunei, Bangladesh, Egitto, Gambia, Kuwait, Libia, Norvegia, Pakistan, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti e Yemen, nonché in qualsiasi altro Paese in cui siano proibite le inserzioni di questo tipo.
    3. È responsabilità dell’inserzionista assicurarsi che le inserzioni:
      1. Usino la definizione dei destinatari in base ad età e Paese (nel caso in cui non sia possibile determinare l’età di un utente, l’inserzione non può essere mostrata all’utente in questione);
      2. Rispettino tutte le leggi locali applicabili e necessarie o i codici di condotta, le linee guida e le licenze consigliate dal settore in questione, tra cui, a titolo esemplificativo, quelle applicabili alla promozione di degustazioni di bevande alcoliche, omaggi di prodotti contenenti alcol o altri omaggi ottenuti con l’acquisto di un prodotto a base di alcol;
      3. Includano tutte le limitazioni di responsabilità applicabili, siano esse obbligatorie o consigliate, ed eventuali avvisi e avvertimenti; e
      4. Riportino l’indirizzo permanente dell’inserzionista, ove richiesto dalle leggi locali.
    4. È responsabilità dell’inserzionista assicurarsi che le inserzioni NON:
      1. Includano contenuti (tra cui, a titolo esemplificativo, personaggi famosi, immagini o rappresentazioni di situazioni) che facciano allusione e attirino utenti di età inferiore a quella consentita per i destinatari dell’inserzione in questione, o che siano associati alla cultura giovanile (ad esempio suggerendo che il consumo di bevande alcoliche è “alla moda” o rappresenta un comportamento normale per i minorenni);
      2. Rappresentino o siano destinate a donne incinte o in fase di allattamento;
      3. Contengano, nei contenuti creativi, persone che sono o che sembrano essere di età inferiore ai 25 anni, o suggeriscano la presenza di persone di età inferiore a quella consentita per i destinatari dell’inserzione in questione.
      4. Siano false o fuorvianti relativamente alle bevande alcoliche, al loro uso, ai relativi effetti e proprietà;
      5. Ritraggano persone nell’atto di consumare o incoraggino a consumare bevande alcoliche in modo rapido, eccessivo o irresponsabile;
      6. Ritraggano in modo negativo l’astinenza dal consumo di alcol o il consumo moderato di alcol;
      7. Ritraggano o promuovano l’intossicazione o facciano riferimento agli effetti tossici dell’alcol;
      8. Alludano in modo positivo alla potenza della bevanda alcolica pubblicizzata;
      9. Ritraggano il consumo di bevande alcoliche come responsabile o coadiuvante nel raggiungimento di successi personali, lavorativi, sportivi, sessuali o di altro tipo;
      10. Presentino le bevande alcoliche come salutari, contenenti proprietà mediche o terapeutiche, in grado di facilitare il rilassamento, di alleviare problemi individuali o di un gruppo o di offrire altri benefici;
      11. Associno l’utilizzo di qualsiasi tipo di veicolo o il coinvolgimento in qualsiasi sport o altra attività pericolosa al consumo di alcol;
      12. Associno comportamenti violenti, pericolosi o antisociali al consumo di alcol;
      13. Pubblicizzino bevande il cui volume contiene più del 22% di alcol, se indirizzate a utenti residenti in Finlandia; oppure
      14. Pubblicizzino bevande alcoliche, diverse dalla birra, indirizzate a utenti in Polonia;
    5. In caso di inserzioni che promuovono bevande alcoliche, si consiglia di includere una frase che inviti a bere in modo responsabile (come “”Bevi con moderazione” o “Usa il cervello quando bevi”, o altre frasi del genere in base al mercato interessato).
  12. Copyright e marchi
    1. Le inserzioni non possono includere contenuti che violino i diritti di terzi, compresi copyright, marchi commerciali, privacy, pubblicità o altri diritti di proprietà.
    2. Gli inserzionisti devono disporre dei diritti di proprietà intellettuale sui contenuti dell’inserzione e devono essere autorizzati a pubblicare tali contenuti a scopi pubblicitari sul sito Facebook.
  13. Spam
    1. Le inserzioni non possono contenere, facilitare o promuovere ‘spam’ o altri contenuti pubblicitari o di marketing che violano le leggi, le norme o gli standard aziendali applicabili.
  14. Incentivi
    1. Le inserzioni non possono offrire incentivi a coloro che le visualizzano per il semplice fatto di cliccare sull’inserzione stessa, per l’invio di informazioni personali (come nome, data di nascita, numero di telefono, codice fiscale, indirizzi postali o e-mail), o per l’esecuzione di altre attività.
  15. Download
    1. Le inserzioni non possono contenere (né rimandare in modo diretto o indiretto a siti contenenti) download con spyware/malware, siano essi avviati automaticamente o manualmente da parte dell’utente, né altri download automatici.
    2. Le inserzioni non possono contenere o rimandare a siti che facilitano o promuovono:
      1. La raccolta di informazioni relative alla posizione geografica e all’uso dal computer di un utente senza il suo consenso espresso;
      2. La raccolta o la richiesta di nomi utente o password di Facebook degli utenti;
      3. L’intercettazione di nomi utente o password di Facebook al fine di eseguire l’accesso automatico al sito Facebook;
      4. Software che possano produrre conseguenze inattese da parte degli utenti, tra cui, a titolo esemplificativo, software che (i) si introducono nel sistema dell’utente ed eseguono attività all’insaputa di quest’ultimo, (ii) possono alterare, danneggiare, disabilitare o sostituire componenti hardware o software installati sul computer dell’utente senza il consenso esplicito di quest’ultimo, (iii) sono incorporati o nascosti in altri software gratuiti o a pagamento, (iv) scaricano automaticamente degli elementi senza l’autorizzazione espressa di Facebook, (v) presentano finestre di dialogo di download senza che l’utente abbia eseguito alcuna azione o (vi) potrebbero violare i infrangere i diritti di proprietà intellettuale di terzi, compresi copyright, marchi commerciali, brevetti o qualsiasi altro diritto proprietario.
Le seguenti sezioni non si applicano alle inserzioni sulla Piattaforma Facebook
  1. Grammatica, struttura delle frasi, punteggiatura e spaziatura
    1. Il testo delle inserzioni deve essere grammaticalmente corretto e avere una struttura delle frasi esatta.
    2. Il testo delle inserzioni deve contenere frasi di senso compiuto.
    3. Le inserzioni non possono contenere troppe ripetizioni (ad es. “compra, compra, compra”).
    4. Le inserzioni devono essere prive di errori di ortografia.
    5. Le inserizioni devono avere una spaziatura grammaticalmente corretta.
  2. Uso delle lettere maiuscole
    1. Nelle inserzioni le lettere maiuscole devono essere usate in modo grammaticalmente corretto (ad esempio è corretto usare la lettera maiuscola per la prima lettera dei nomi propri e per i titoli delle inserzioni).
    2. Le inserzioni non possono contenere troppe lettere maiuscole (ad es. “GRATIS”) o maiuscole inserite in modo non corretto (ad esempio una lettera maiuscola per la prima lettera di ogni parola di una frase).
    3. Gli acronimi devono essere in maiuscolo.
  3. Punteggiatura
    1. Le inserzioni devono avere una punteggiatura corretta e logica.
    2. Le inserzioni non possono contenere segni di punteggiatura superflui (ad es. “Compra subito!!!”).
    3. Tutte le frasi complete (compreso il titolo dell’inserzione, se è una frase completa) devono terminare con un solo segno di punteggiatura. Le frasi non possono terminare con ellissi, trattini, ecc.
    4. Non è possibile usare punti esclamativi nei titoli delle inserzioni.
  4. Simboli
    1. L’uso di simboli, numeri o lettere deve essere conforme al vero significato del simbolo.
    2. Le inserzioni non possono contenere simboli ridondanti e superflui.
    3. L’uso dei simboli non è consentito nei casi seguenti:
      1. In sostituzione di lettere (ad es. “$oldi” anziché “soldi”);
      2. In sostituzione di parole intere (ad es. “&” anziché “e” or “$” anziché “denaro/dollari/soldi”);
      3. Come abbreviazioni superflue utilizzate per ridurre il numero di caratteri (ad es. “c” anziché “con” o “@” anziché “presso”).
    4. L’uso dei simboli è consentito nei casi seguenti:
      1. Se il simbolo fa parte del nome del prodotto o del marchio;
      2. Se il simbolo $ è associato a un importo in dollari (ad es. “Risparmia subito $100”);
      3. Se il simbolo # è usato in frasi comparative (ad es. “Votato il sito #1 dal New York Times).

Articles

L’approvazione

In La tua prima inserzione on luglio 4, 2011 by matteocasalini

Per visualizzare un’anteprima della tua inserzione o controllare altri dettagli, clicca su “Verifica l’inserzione“. Se devi modificare qualcosa, clicca su “Modifica inserzione”. Potrai modificare titolo, testo, immagine e URL di destinazione. Una volta apportate tutte le modifiche necessarie, inserisci le informazioni di pagamento e clicca su “Ordina”.

A questo punto, se ancora non hai un account Facebook, accederai a una procedura guidata che ti consentirà di crearne uno e usarlo per gestire le tue inserzioni.

Per fare pubblicità su Facebook, gli inserzionisti inviano l’inserzione che vorrebbero mostrare sul sito e comunicano quali sono i destinatari a cui desiderano rivolgersi. Facebook si occupa di mostrare l’inserzione alle persone che corrispondono ai criteri specificati dagli inserzionisti senza rivelare loro le informazioni personali degli utenti.

I soli dati che vengono forniti agli inserzionisti sono aggregati in forma anonima, e consentono loro di sapere quante persone hanno visualizzato la loro inserzione e a quali categorie generiche appartengono. Queste informazioni, inoltre, aiutano gli inserzionisti a comprendere meglio se le prestazioni delle loro pubblicità sono buone e come migliorarle.

Il team di Facebook, inoltre, controlla le inserzioni per verificare che rispettino le Linee guida sulle pubblicità. Le inserzioni inviate sono riviste entro 24 ore dal momento in cui vengono inviate, e l’inserzionista riceve un’e-mail con l’esito dell’analisi. In caso di problemi con l’inserzione, è possibile modificarla in modo che sia conforme alle loro normative. Leggi con attenzione queste linee guida e assicurati di sapere quali sono i contenuti proibiti e le altre normative, in modo che la tua inserzione venga mostrata su Facebook senza problemi.

Articles

Definisci il budget

In La tua prima inserzione on luglio 1, 2011 by matteocasalini

Prima di attribuire un nome alla tua campagna e di impostare il tuo budget giornaliero, memorizza questi termini:

Campagna

Un’inserzione o un gruppo di inserzioni possono avere budget e programmazione in comune. Una volta creata la tua prima inserzione, hai la possibilità di creare altre inserzioni per la stessa campagna o creare nuove campagne.

Tipi di prezzi delle inserzioni

  • CPC (Cost Per Click, costo per clic): con questa opzione di pagamento, pagherai ogni volta che qualcuno clicca sulla tua inserzione. Si tratta del miglior tipo di campagna da usare per attirare i clienti sul tuo sito Web o sulla tua Pagina Facebook.
  • CPM (Cost Per Thousand Impressions, costo di mille visualizzazioni): questa opzione di pagamento si basa sul numero di persone che visualizzano la tua inserzione. Si tratta del tipo di campagna più adatto per far conoscere il marchio a un pubblico specifico.

Budget giornaliero

L’importo massimo che desideri spendere ogni giorno per una singola campagna. Imposta il budget giornaliero che ritieni più adatto per la tua campagna. Se, ad esempio, sai di voler spendere 70 € di pubblicità e desideri che la tua campagna duri 7 giorni, il tuo budget giornaliero massimo sarà di 10 €. Non ti verranno mai addebitati costi superiori al tuo budget giornaliero, dal momento che la pubblicazione dell’inserzione viene interrotta al raggiungimento del limite indicato.

Budget a vita

Il budget a vita è attivabile a livello della campagna ed è molto simile al budget giornaliero, ma ti consente di specificare l’importo da spendere per l’intera durata della campagna, che deve corrispondere a un periodo di tempo specifico, in sostituzione del budget giornaliero.

Il vantaggio offerto dal budget a vita è che il nostro sistema redistribuisce automaticamente al spesa. Se, ad esempio, un inserzionista indica di voler spendere 100 € per una campagna di 10 giorni, in teoria dovrebbe spendere 10 € al giorno. Se, tuttavia, la campagna genera solo 8 € di spesa il primo giorno, il nostro sistema tenta di trasferire l’importo rimanente a una data futura entro la fine della campagna.

Offerta massima

L’importo di denaro massimo che desideri pagare per ogni clic sulla tua inserzione o per mille visualizzazioni, a seconda del tipo di campagna che hai scelto (CPC o CPM). Facebook suggerisce un’offerta in base alle opzioni di definizione dei destinatari selezionate. Hai sempre la possibilità di impostare un’offerta diversa scegliendo la modalità avanzata.

Sistema di aste

Le inserzioni di Facebook si basano su un sistema di aste che tiene in considerazione le offerte: in altre parole, è il mercato a definire il costo della tua inserzione. Quando imposti un’offerta massima, è come se stessi indicando di essere disposto a pagare fino a quella somma per ogni clic o per mille visualizzazioni della tua inserzione.

  • Funzionamento: la tua offerta massima è in competizione con le offerte degli altri inserzionisti per determinare quale inserzione deve essere mostrata al pubblico di destinazione e quale sarà il costo effettivo (che può corrispondere, al massimo, al tuo budget giornaliero).

Se stai tentando di raggiungere un pubblico molto ambito durante un orario della giornata considerano “di punta”, è molto probabile che ti venga addebitato l’importo massimo che hai specificato per ogni clic o per mille visualizzazioni.

Articles

Scegli i destinatari

In La tua prima inserzione on giugno 30, 2011 by matteocasalini

Per fare in modo che la tua inserzione ottenga sempre più successo, è importante destinarla solo alle persone a cui potrebbe interessare maggiormente.

Puoi definire i tuoi destinatari in base a:

  • Posizione: puoi specificare città, provincia o Paese
  • Dati demografici: puoi specificare fascia di età, sesso o lingua
  • Interessi e preferenze: quali sono gli interessi o gli hobby dei tuoi clienti? A differenza della pubblicità basata sulle parole chiave che le persone cercano, su Facebook puoi definire i destinatari specificando i loro interessi. Se, ad esempio, vendi macchine fotografiche, puoi specificare che desideri che la tua inserzione venga mostrata alle persone a cui interessa la fotografia.
  • Istruzione e lavoro: puoi indirizzare la tua campagna a studenti di un’università specifica o alle persone che hanno un determinato livello di istruzione.

Man mano che specifichi i tuoi criteri di definizione dei destinatari, vedrai cambiare il numero di utenti che potrebbero visualizzare la tua inserzione. Per ottenere risultati migliori, è consigliabile destinare l’inserzione a un pubblico ben mirato, che sia comunque abbastanza vasto da includere i tuoi clienti potenziali.